My Blog

Un sonetto di Neruda

Stasera ho voluto regalarvi la lettura di un sonetto del poeta che in assoluto amo di più. Pablo Neruda. Spero che apprezziate.
I tre uccelli del mare, tre fulmini, tre forbici,
passarono poi dal cielo freddo verso Antofagasta,
per questo restò tremante l'aria,
tutto tremò come bandiera ferita.
Solitudine, dammi il segno della tua origine incessante,
l'appena strada degli uccelli crudeli,
e il palpito che senza dubbio precede
il miele, la musica, il mare, la nascita.
(Solitudine sostenuta da un volto costante
come un grave fiore disteso senza sosta
fino a comprendere la pura moltitudine del cielo).
Volavano ali fredde del mare, dell'Arcipelago,
verso l'arena del Nordovest del Cile.
E la notte chiuse il suo celeste chiavistello.
(Pablo Neruda - Cento sonetti d'amore)
Posta un commento

Deserti di cioccolato Designed by Templateism | MyBloggerLab Copyright © 2014

Powered by Blogger.