My Blog

Giulia Santini


Laura sorseggiò il proprio tè. Si voltò verso Giulia, sgattaiolata di nuovo accanto a Lorenzo. Le sembrò più piccola dei suoi sedici anni, con quel fisico sottile e i lineamenti fragili, increspati di malinconia.

Giulia è tra i personaggi più intensi e malinconici dell'intero libro. Chiusa in un silenzio che ha il sapore di un dolore profondo e viscerale, dà sempre l'impressione di doversi spezzare da un momento all'altro, di non essere in grado di resistere alla violenza della vita. Tuttavia, accanto a questa intrinseca fragilità, dimostra, in più di un'occasione, una forza che stupisce. 

Una determinazione legata soprattutto alla volontà di difendere suo fratello e di sostenerlo come meglio può nelle difficoltà che si trovano ad affrontare insieme. Spesso a parlare sono i suoi gesti e i suoi occhi, specchio della profondità della sua anima e inghiottiti da un buio senza fine. 

Giulia può essere considerata l'emblema di quella generazione di adolescenti costretti a portare sulle spalle il peso di segreti così terrificanti da non riuscire a confessarli.

Giulia accavallò le gambe. Iniziò a muovere un piede avanti e indietro.
«Che problemi hai, Gab?»
Prese una mano del fratello.
«Perché non ti confidi con me?»
Gabriele strinse le sue dita. Il volto già teso, s’irrigidì di più.
«E tu perché non fai lo stesso?»
La ragazza fece una piccola smorfia, tacendo. Gabriele la prese per le spalle, voltandola verso di sé.
«L’ho capito che hai un segreto.»
Giulia gli accarezzò il viso, turbata. Un velo di lacrima le offuscò la vista. Lo baciò sulla fronte, trattenendo pianto e respiro.

Leggi un estratto del romanzo qui

Foto di Gew of
Posta un commento

Deserti di cioccolato Designed by Templateism | MyBloggerLab Copyright © 2014

Powered by Blogger.