My Blog

¿Confianza o devuelta?


Alla gente piace leggere di sofferenza, di sesso, di lotte per la vita. Piace nutrirsi del dolore altrui forse per dire "per fortuna non è mio", piace tuffarsi in atmosfere magari un pò retrò e se possibile credere alla stoltezza di vecchie ragazzine improvvisatesi scrittrici. Quando ho realizzato il mio libro, nel lungo arco di due anni, non lo pensavo come un best seller, nè tantomeno come chissà quale capolavoro contemporaneo. Lo pensavo semplicemente una storia da assaporare e se possibile far propria, immedesimandosi con questo o quel personaggio. Lo reputavo addirittura troppo drammatico. Ma forse il mio coinvolgimento, il pugno allo stomaco che avvertivo, era solamente dettato dal mio esserne l'autrice. Non immaginavo neanche che sarebbe stato semplice avviarsi ad una pseudo carriera. Tuttavia ora, a distanza di tempo, la mia fiducia inizia un pò a minarsi. E dubito che Luis vedrà la luce su monumenti di carta. E vorrei capire almeno perchè. Forma? Stile? Storia? Tutto? Si. Forse è tutto l'insieme che non arriva agli editori e non li fa essere predisposti a "rischiare con me". Non so. Una punta a un obiettivo praticamente da quando è nata, si sente portata per una cosa e poi nel giro di poco se ne va tutto meravigliosamente in frantumi. Non so. Non so se devo arrendermi e rinunciare. Mi sento alquanto grigio perla oggi.

Foto di [auro]
Licenza Creative Commons

Posta un commento

Deserti di cioccolato Designed by Templateism | MyBloggerLab Copyright © 2014

Powered by Blogger.