My Blog

Passaggi

Si può entrare in "crisi" a trent'anni? Ho conosciuto persone che compiuta questa fantomatica età sono letteralmente uscite fuori di senno, pretendendo di fare con un colpo solo quanto non ancora compiuto o di viversi adolescenze trascorse male nel passato. Personalmente il passaggio agli enta non rappresenta un problema esistenziale, più che altro ora come ora, andando avanti nei mesi, mi rendo conto di trovarmi in una specie di periodo di transizione. Saranno gli esami universitari ormai pochi, sarà il dover chiedere la tesi, sarà l'esigenza di concretizzare il sogno di scrivere, ma mi rendo conto che molte cose che prima andavano bene ora risultano strette. E così avverto catene invisibili, una prigionia non voluta, esigenza di far emergere la donna che è in me. Staccarsi dal "socialmente obbligato" per dirigersi verso il "socialmente desiderato". Sicuramente non appena troverò collocazione nell'ambiente ottimale per me, l'intera situazione si trasformerà in una gigantesca bolla di sapone pronta a scoppiare, ma nel frattempo io mi affaccio alla finestra senza riuscire a rompere il vetro. Esco e mi diverto, ma dentro sono cristallizzata nella consapevolezza d'essere un pesciolino fuor d'acqua e d'aver bisogno di qualcosa di più. Forse ho troppa necessità d'interagire. Troppa necessità d'amore vero. Troppa stanchezza di sguardi non desiderati.

Foto di trackchick
Licenza Creative Commons
Posta un commento

Deserti di cioccolato Designed by Templateism | MyBloggerLab Copyright © 2014

Powered by Blogger.