My Blog

E mi smarrisco, nei pensieri.


Vorrei capire se è possibile trarre forza dal sole. Vorrei capire se l’incanto d’un cielo che si schiude alla luce del mattino, può celare la promessa di una preghiera appena sussurrata. Camminiamo ogni giorno, attraversati da milioni di pensieri, eppure molto spesso siamo incapaci d’afferrare l’attimo. Quel sapore di miele. Quel gusto dell’immergersi a piene mani nella vita, annientando con una scrollata di spalle il timore di. Di non riuscire. Di farsi male. D’urtare contro la pietra dura di cuori indifferenti. Scrivere rasenta un po’, quando ne sento il bisogno, l’oasi dove racchiudere ogni storia della mia anima. Il ponte tra me e la realtà. Per non dimenticare chi sono. Per tenermi a mente che le difficoltà vanno affrontate e non messe in un angolino sperando nel loro precoce smarrimento, in mezzo alle nebbie d’una brumosa alba metropolitana. Ma chi lo sa mantenere questo monito nel corso di tutta quanta la sua esistenza? Me lo chiedo, forse spinta dal pensiero di un Michele incaponito a non voler capire Irene. Le sue responsabilità. L’immobilità di un capitolo svolto e riavvolto senza trovare pace. Senza trovare il punto focale del PERCHE’. Ma d’altronde di “perché” ne troviamo a milioni, nascosti in mezzo al terriccio di strade ancora da costruire. D’edifici silenziosamente catturati dalla vastità d’immense gru. Giganti di ferro pronti a farsi beffa della piccolezza dell’uomo. Mescolati al caos di qualche sporadica auto, avventuriera del primo pomeriggio e sufficientemente impavida da sfidare il riposo d’una città mollemente adagiata dentro il bisogno d’arruolarsi nelle armate del quotidiano che va. Che va come noi andiamo alla ricerca di canzoni da comporre. Paure d’attutire. Passi da ricordare, nella vastità d’un domani intriso delle sue sfumature.

Posta un commento

Deserti di cioccolato Designed by Templateism | MyBloggerLab Copyright © 2014

Powered by Blogger.