My Blog

La vergogna si maschera d'illusione


C'è sempre nell'approssimarsi del Natale l'illusione che i mostri diventino buoni. C'è sempre nell'approssimarsi del Natale la convinzione di dover sostituire alla parola odio quella dell'amore. C'è sempre nell'approssimarsi del Natale la nascita della speranza per un mondo migliore. Peccato sia solo il frutto di un attimo di sottomissione. L'ennesima maschera indossata per offrire agli occhi degli sconosciuti il gradevole, bieco aspetto di se stessi. Non sopporto una tale ipocrisia. Starmene davanti al televisore ad ascoltare inutili parole messe in bocca a chi l'indomani, molto probabilmente, proseguirà la comune esistenza ignorando il dolore vero della gente. Quello di madri barbaramente private dei figli. Bambini rapiti, strappati dalle proprie radici anche in tenera età e venduti, portati chissà dove a condurre vite che non dovevano appartenergli. Scempio di cuori. Scempio di lacrime innocenti. Quello di donne orrendamente violentate nel corpo, nell'anima, nella dignità di guardarsi allo specchio senza sputare contro la personale immagine. Riflesso di quanto subito. Antro di un vuoto incolmabile. Il vuoto dell'avere paura del contatto fisico con un uomo. Quello di famiglie straziate dall'assenza di chi è stato vittima dell'ennesimo omicidio.A cosa serve, mi chiedo, piangere fintamente coinvolti? A cosa serve chiudere indignati un ospedale, se prima d'arrivare all'azione si è dovuto ammazzare una ragazzina di sedici anni? A cosa serve gridare allo scandalo perché un assassino è diventato un vip, se poi schiere di persone ammalate di morbosa curiosità acquistano i suoi libri? I prodotti reclamizzati dal sangue?
E’ nauseante tutto questo. E' nauseante assistere all'annullamento dei più elementari diritti umani. Ogni giorno. Ogni ora. Ovunque.

Posta un commento

Deserti di cioccolato Designed by Templateism | MyBloggerLab Copyright © 2014

Powered by Blogger.