My Blog

Calze di sogni


Da bambina amavo molto la celebrazione dell’Epifania. Mi piaceva immaginare quella vecchia signora sdentata impegnata a scendere dalla cappa del forno di casa mia e poi da quella dei miei nonni. Andavo sempre a letto nell’eccitazione dell’attesa. Curiosa di vedere quali dolciumi e quale regalo avesse stabilito di portarmi. Peccato che poi si cresca. Peccato che poi si venga a scoprire la verità. Una verità tale da rendere il sogno un po’ sciocco, illusoriamente dipinto sulle pagine di un diario segreto. Illusoriamente rotto dalla realtà. Non ho più potuto godere a pieno della festa perché rifiutavo una calza stracolma di dolci, dannosi per i miei problemi di peso. Così da un anno all’altro, non se n’è fatto più niente. Mi limitavo a osservare i bimbi piccoli. Mi limitavo a osservare quella smania, quell’ingenuo interesse figlio della loro acerba gioventù. Nell’età adolescenziale sotto sotto continuavo ad aspettare sul ripiano della cucina un pensiero, ma non arrivava mai. E si sa come vanno certe cose. Non si resta mai troppo a lungo a fissare uno stesso identico orizzonte.
Probabilmente sarò piuttosto infantile nel fare questa esternazione ma oggi vorrei che qualcuno catturasse il mio desiderio e lo rendesse realtà, donando una calza ripiena di gianduiotti. Unica, indimenticabile e vera passione dolciaria.


Foto di julie-rc

Posta un commento

Deserti di cioccolato Designed by Templateism | MyBloggerLab Copyright © 2014

Powered by Blogger.