My Blog

Torbidi incontri...

Sono stati giorni convulsi questi. Giorni in cui ho avuto tempo solo per eseguire una serie di doveri imprescindibili, ultimo tra i quali l’università. Finalmente ho ottenuto il programma del mio quintultimo esame, cosa per nulla facile. Sorvolando sulla difficoltà di capire con quale professore sostenerlo, oggi ho trascorso con Spratz l’intera giornata a fotocopiare perché non c’era possibilità d’acquistare i testi (di ogni libro sono da studiare alcune parti). Come se non bastasse, abbiamo fatto la spola tra la nostra sede universitaria e un’altra e quando, esauste, ci siamo avvicinate all’ufficio informazioni, un nauseante odore di tabacco ci ha travolte. Un tizio, un omone enorme, comodamente seduto sulla sua poltroncina, ha alzato lo sguardo su di noi, con l’aria di chi s’era appena svegliato da un sonno profondo. E con la sua stupenda canottiera grigia, la barba incolta, la ciccia oltre l’elastico dei calzoncini, ha assunto un’espressione interrogativa e scocciata.
«Che ve serve?»
«Ehm…sì, ci scusi, noi volevamo sapere dov’è la sede della facoltà di architettura»
«La sede de che?»
«Della facoltà di architettura»
«Io non lo so, non so niente. Che ve devo di’? Annate a chiede’ da n’artra parte. Annate su, sopra, annate do’ve pare ma io non ve so di’niente.»
«Ah. Va bene. Sì, allora andiamo su»
«Ecco brave annate su che ce sta l’ufficio non so de chi che ve po’di’ sta cosa»
«D’accordo…grazie!»
Siamo uscite dallo studio stralunate. Cosa diavolo ci sta facendo il cartello fuori con scritto, Informazioni? Mistero.
Ormai dovremmo smetterla di stupirci di certe situazioni, ma come si fa? Come si fa a non ridere fino alle lacrime?
Altra nota. Non so se l’avete letto tra le nostre disavventure, ma diversi anni fa sfondammo la fotocopiatrice della biblioteca del DAMS. Oggi stavamo ripetendo l’impresa. Povera macchina dopo un centinaio di pagine stava collassando. Fortuna che ha retto fino alla fine! I volumi d’arte non possono uscire fuori!
--------------------------------------------------------------------------------------
E ora una notizia positiva. Tempo fa ho partecipato al concorso letterario indetto dalla casa editrice I Sognatori. Il mio racconto “Il colonnello se n’è andato via” è risultato tra gli undici vincitori e sarà pubblicato con gli altri sull’antologia “Un sogno dentro un sogno – volume II”. Per me è una grande gioia. Finalmente esordisco su carta!


Foto di chariche
Posta un commento

Deserti di cioccolato Designed by Templateism | MyBloggerLab Copyright © 2014

Powered by Blogger.