My Blog

La vergogna dell'uomo

Indignazione. Questa è l’unica parola che mi viene in mente ascoltando i telegiornali degli ultimi giorni. Anzi, degli ultimi mesi. Donne. Ragazzine. Innocenti calpestate e private d’ogni briciolo di dignità. Ingoiate e fagocitate dal terrore più bieco. Più brutto. Più lercio. Sembra di essere caduti in un clima di guerra, in una valle senza tempo né speranza.
È mai possibile non avere il sacrosanto diritto di camminare per strada liberamente, senza rischiare ogni minuto di venire brutalmente violentate? Dov’è finito il rispetto per la vita altrui? Dov’è finito?
Le labbra si serrano alla ricerca di risposte inafferrabili. La rabbia s’impadronisce del cuore. Vergogna a chi viola l’intimità femminile.
Vergogna a chi osa pensare: “Si è vestita con la minigonna, se l’è cercata”.
Vergogna a chi chiude gli occhi.
Vergogna a chi tace.
Vergogna a chi se ne resta con le mani in mano mentre questo paese, questo mondo di merda, va alla rovina totale.
Vergogna a chi alza lo sguardo sui bambini, privandoli per sempre della loro ingenuità.
Vergogna a chi picchia, abbandona e uccide gli animali.
I mostri si annidano ovunque. E io a quei mostri dannati infliggerei la stessa identica pena delle loro vittime. La stessa nel modo più assoluto. È la legge del contrappasso. Una legge che serve per far capire ai carnefici cosa significa essere seppelliti vivi. Cosa significa dimenticare il sapore del pianto e il gusto del sorriso. Cosa significa non poter dormire serenamente per il resto della propria esistenza.

Foto di confusedvision
Posta un commento

Deserti di cioccolato Designed by Templateism | MyBloggerLab Copyright © 2014

Powered by Blogger.